&noscript=1 /> Vacanze in agriturismo sul Renon Vacanze in agriturismo sul Renon
 
Vacanze in agriturismo sul Renon
Vacanze in agriturismo sul Renon

Un monte di vacanze

Meta di vacanze

Renon

Vacanze in agriturismo sul Renon

Che una vacanza in agriturismo sul Renon sia una buona idea, è facile da comprendere: qui si sono inventanti le vacanze estive già nel XVI secolo.

Una casa fresca sul Renon è l’ideale per sfuggire al caldo della città, lo sanno bene i bolzanini, che numerosi passano l’estate lassù. Non per nulla il concetto di vacanza estiva è stato inventato proprio qui. Durante l’estate, l’altopiano del Renon offre ancora oggi refrigerio a chi non sopporta l’afa della conca di Bolzano.

Che una vacanza in agriturismo sul Renon sia una buona idea, è facile da comprendere: qui si sono inventanti le vacanze estive già nel XVI secolo.

Una casa fresca sul Renon è l’ideale per sfuggire al caldo della città, lo sanno bene i bolzanini, che numerosi passano l’estate lassù. Non per nulla il concetto di vacanza estiva è stato inventato proprio qui. Durante l’estate, l’altopiano del Renon offre ancora oggi refrigerio a chi non sopporta l’afa della conca di Bolzano.

 

L’incontro di due tradizioni
La popolarità del Renon tra i bolzanini è stata in principio legata all’attività turistica di questo altopiano nei pressi di Bolzano. Tuttavia, anche l’agricoltura aveva un ruolo di grande importanza: oltre alle vaste foreste, c'erano molti prati e campi. Le coltivazioni sull’altopiano sono oggi piuttosto rare, ma, grazie alla costruzione di sistemi per il trasporto di acqua per irrigazione e potabile, gli agricoltori hanno potuto sfruttare zone prima non utilizzabili, impiantando frutteti e vigneti e, alle quote più alte, facendo pascolare gli animali.


Con la funivia e il trenino
Il 1907 fu per la storia turistica del Renon particolarmente significativo: in quell’anno, infatti, fu inaugurato il famoso treno. La stazione di partenza si trovava in Piazza Walther, a Bolzano, da lì il trenino a cremagliera si arrampicava fino a Soprabolzano, per poi proseguire in piano fino a Collalbo. Il tratto fino a Soprabolzano è stato poi sostituito da una funivia, ma ha mantenuto il suo fascino: viaggiando da Bolzano a Soprabolzano è possibile non solo contemplare un bellissimo panorama delle Dolomiti, ma anche ammirare le piramidi di terra del Renon. Soprattutto al tramonto, quando il massiccio del Catinaccio-Latemar si tinge di rosa, la vista in questa direzione è un vero spettacolo. Tra Soprabolzano e Collalbo c’è invece sempre lo stesso trenino di una volta, che, rinnovato e manutenuto, offre uno spettacolo sempre imperdibile.


Divinamente bello e accogliente.
La pittoresca ferrovia, tra i tanti passeggeri, ne trasportò uno di particolarmente illustre: Sigmund Freud, il padre della Psicanalisi. Nell’estate del 1911, egli trascorse le sue vacanze a Soprabolzano e da qui inviò al collega C. G. Jung una lettera che riportava questa frase: “Qui al Renon si sta divinamente bene. Ho scoperto in me un’inesauribile voglia di fare nulla”. Potrete verificare quanto questa frase sia vera durante una vacanza in agriturismo sul Renon. Sull’illustre esempio del dottor Freud, fatevi una bella nuotata nel lago di Costalovara. Questo laghetto nel bosco non è lontano da Soprabolzano. Chi sceglie un appartamento a Renon per le proprie vacanze invernali, quando il lago ghiaccia, potrà invece cimentarsi con il pattinaggio.


Alla conquista del Corno!
Se avete prenotato la vostra vacanza in un appartmaneto o in una camera sul Renon per fare escursioni a piedi, siete nel posto giusto: innumerevoli sentieri conducono attraverso i numerosi boschi e pascoli alpini. Se volete andare alla conquista di una vetta, il Corno del Renon è lì per voi: con i suoi 2200 metri è la montagna più alta dell’altopiano. Dal momento che nessun altro rilievo limita la vista, dalla cima potrete vedere le Dolomiti, i ghiacciai dell'Ortles e fino al Großglockner in Austria. Durante l’inverno il posto è meraviglioso per praticare sci, snowboard e slittino.

L’incontro di due tradizioni
La popolarità del Renon tra i bolzanini è stata in principio legata all’attività turistica di questo altopiano nei pressi di Bolzano. Tuttavia, anche l’agricoltura aveva un ruolo di grande importanza: oltre alle vaste foreste, c'erano molti prati e campi. Le coltivazioni sull’altopiano sono oggi piuttosto rare, ma, grazie alla costruzione di sistemi per il trasporto di acqua per irrigazione e potabile, gli agricoltori hanno potuto sfruttare zone prima non utilizzabili, impiantando frutteti e vigneti e, alle quote più alte, facendo pascolare gli animali.


Con la funivia e il trenino
Il 1907 fu per la storia turistica del Renon particolarmente significativo: in quell’anno, infatti, fu inaugurato il famoso treno. La stazione di partenza si trovava in Piazza Walther, a Bolzano, da lì il trenino a cremagliera si arrampicava fino a Soprabolzano, per poi proseguire in piano fino a Collalbo. Il tratto fino a Soprabolzano è stato poi sostituito da una funivia, ma ha mantenuto il suo fascino: viaggiando da Bolzano a Soprabolzano è possibile non solo contemplare un bellissimo panorama delle Dolomiti, ma anche ammirare le piramidi di terra del Renon. Soprattutto al tramonto, quando il massiccio del Catinaccio-Latemar si tinge di rosa, la vista in questa direzione è un vero spettacolo. Tra Soprabolzano e Collalbo c’è invece sempre lo stesso trenino di una volta, che, rinnovato e manutenuto, offre uno spettacolo sempre imperdibile.


Divinamente bello e accogliente.
La pittoresca ferrovia, tra i tanti passeggeri, ne trasportò uno di particolarmente illustre: Sigmund Freud, il padre della Psicanalisi. Nell’estate del 1911, egli trascorse le sue vacanze a Soprabolzano e da qui inviò al collega C. G. Jung una lettera che riportava questa frase: “Qui al Renon si sta divinamente bene. Ho scoperto in me un’inesauribile voglia di fare nulla”. Potrete verificare quanto questa frase sia vera durante una vacanza in agriturismo sul Renon. Sull’illustre esempio del dottor Freud, fatevi una bella nuotata nel lago di Costalovara. Questo laghetto nel bosco non è lontano da Soprabolzano. Chi sceglie un appartamento a Renon per le proprie vacanze invernali, quando il lago ghiaccia, potrà invece cimentarsi con il pattinaggio.


Alla conquista del Corno!
Se avete prenotato la vostra vacanza in un appartmaneto o in una camera sul Renon per fare escursioni a piedi, siete nel posto giusto: innumerevoli sentieri conducono attraverso i numerosi boschi e pascoli alpini. Se volete andare alla conquista di una vetta, il Corno del Renon è lì per voi: con i suoi 2200 metri è la montagna più alta dell’altopiano. Dal momento che nessun altro rilievo limita la vista, dalla cima potrete vedere le Dolomiti, i ghiacciai dell'Ortles e fino al Großglockner in Austria. Durante l’inverno il posto è meraviglioso per praticare sci, snowboard e slittino.

leggi di più leggi di meno

Ricerca agriturismo

Vacanze in agriturismo sul Renon

Dove vuoi andare?
Quando e per quanto tempo?
qualsiasi
Tipo di alloggio e compagni di viaggio
2 adulti
Tipo di maso
Allevamento di bestiame, viticoltura o frutticoltura
Classificazione
tutte le classificazioni
49 maso masi
Azzera il filtro
49 maso trovato masi trovati
 | 
Plattnerhof flower flower flower
Fam. Kohl  | Renon  (Bolzano e dintorni)
Frutticoltura, Viticoltura
Prodotti del maso: succhi di frutta, vino
5,0
"Molto buono"
(1 recensione)
Appartamento da 70€ per notte
Trotnerhof flower flower flower
Fam. Oberrauch  | Renon  (Bolzano e dintorni)
Allevamento di bestiame
Bottega del maso: uova, pane
Offerte contadine: sperimentare la vita di tutti i giorni al maso, visite alla stalla, visita guidata al maso
5,0
"Molto buono"
(15 recensioni)
Appartamento da 54€ per notte
Ebenhof flower flower flower
Fam. Bauer Psenner  | Renon  (Bolzano e dintorni)
Allevamento di bestiame, Coltivazione di piccoli frutti
Angolo dei prodotti: uova, confetture di frutta, sciroppo ...
Offerte contadine: aiuto in stalla, visite alla stalla, aiutare nella fienagione ...
4,9
"Molto buono"
(5 recensioni)
Appartamento da 65€ per notte
Il risultato della tua ricerca

3 buoni motivi

Vacanze sul Renon

Nel cuore dell’Alto Adige
svetta il Corno del Renon

Il famoso trenino da
Soprabolzano a Collalbo

Le piramidi di terra:
torri di argilla e pietra

Teatro o musica rock?

Il Renon non offre solo natura e sport. Come altrove in quell’epoca, nei primi anni del 1200 anche a Lungomoso fu costruito un ospizio per i pellegrini in viaggio verso Roma. 

Il Renon non offre solo natura e sport. Come altrove in quell’epoca, nei primi anni del 1200 anche a Lungomoso fu costruito un ospizio per i pellegrini in viaggio verso Roma. 

Divenuto Commenda dell'Ordine Teutonico nel 1235, a partire dal XIV secolo, con la costruzione di una strada a fondo della Valle Isarco, l'ospizio perse progressivamente d’importanza.
L’edificio che ammiriamo oggi risale al XVII secolo, in quanto quello originale era stato distrutto durante le rivolte contadine del 1525. Da qualche anno, la Commenda fa da cornice per un ricco e variegato programma culturale. Tra i vari eventi si ricordano gli amati Rittner Sommerspiele, che sotto il cielo stellato, durante i mesi di luglio e agosto, propongono rappresentazioni teatrali di alto livello. Chi al teatro preferisce il Rock troverà sul Renon musica per le sue orecchie: all'inizio di luglio, sulla pista di pattinaggio di velocità dell'Arena Ritten, si svolge il festival "Rock im Ring", uno dei principali festival estivi dell’Alto Adige.

leggi di più leggi di meno
Bolzano e dintorni - la tua area vacanze
Quiz

Quiz

Che tipo di maso sei?

Via
Gallo Rosso

Scopri quale maso fa per te. Buon divertimento!